Pelna ed il bello del top down

Partiamo dalle basi: Pelna è una maglietta che ho testato, quella di cui non potevo svelare niente fino a che non fosse stato pubblicato il pattern (ed è stato pubblicato a fine maggio, mi scuso per il ritardo, sono sempre molto impegnata – tanto lo sapete che sono disorganizzata cronica e casinista, ma darmi un tono ha sempre un suo fascino-), ed è costruita top-down, cioè partendo dal collo ed andando verso il basso in un unico pezzo senza cuciture.

pelna1_medium2(la scelta dei colori è stata obbligata perchè era anche un destash, ma devo dire che non mi soddisfa appieno e che la banda turchese distoglie molto dal traforo su collo e bordi che invece è molto bello. Dovrò procurarmi altro filo per farne una in tinta unita, che merita.)

Se date una scorsa ai miei progetti su ravelry vi accorgerete che le maglie le faccio quasi solo top-down e questo mi pare abbastanza indicativo della mia fissazione in merito.

Ma ho dei buoni motivi:

1 – non serve cucire. Che quanto non mi piacciono le cuciture sui capi a maglia non lo so spiegare. Vero che a volte hanno il loro perchè, soprattutto per capi grandi e pesanti, che li sostengono un po’, ma non mi piacciono lo stesso. Non mi piace farle e non mi piace vederle. Com’è che si dice? “Non è bello cioò che è bello, ma è belo ciò che piace”. Ecco.

2 – si può provare il capo mentre di lavora ed aggiustare on the go invece di prendere mille misure prima e sapere se va bene solo dopo aver finito e cucito tutto. Che anche disfare è odioso. Peggio che cucire.

3 – si può usare il filo fino all’ultima gugliata utile. E non scherzo. Guardate quanto me ne è avanzato IN TUTTO per fare questa maglietta

pelna filo avanzato(sì, ho temuto per tutto il giro di chiusura che non mi bastasse e di dover disfare un paio di giri)

 

 

————————————————

Questa maglietta, oltre ad essere fonte di orgolio personale perchè è un test per una designer che stimo, partecipa a qualche kal: il guardaroba della knitter perfetta, i buoni propositi del 2014, yarndiet e non so se rientra pure in qualche altro…. (ne voglio fare troppe, partecipo partecipo e partecipo e poi mi dimentico…. dovrò rimediare)

Annunci

3 pensieri su “Pelna ed il bello del top down

  1. Eccomiiiiii!!! Finalmente riesco a leggere il tuo blog!!!!
    Ne approfitto delle vacanze, Claudia, prima proprio non ce l’ho fatta.
    E scopro cos’è questa cosa del top-down, mai sentita prima. Questo ti dà l’idea di quanto sia arrugginita con i ferri!

  2. Pingback: Finito il mio primo vestito ai ferri! Ed altro ancora in viscolino. Poi basta, però. | Mondo cipino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...